KEZIA (ITA) "Ebola"

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

KEZIA (ITA) "Ebola"

Estratto dall'Ep di debutto "The Dirty Affair" il pezzo ha stupito FSM per la sua originalità soprattutto nella composizione. All'interno della song c'è di tutto, dall'elettronica nella parte iniziale, passando poi alle sonorità tipiche del progressive metal, assoli di piano, cambi di ritmo con tanto di cori, assolo di chitarra che ben si mixa con la voce del singer, parte finale addirittura con melodia fischiata e grande acuto, che dire, tutto messo al posto giusto e minuziosamente assemblato, un brano affascinante!

"The Dirty Affair", è un EP di 8 tracce, tutte le canzoni sono state composte da Pierlorenzo, Antonio e Alberto; durante la sessione di registrazione, il batterista Matteo Vigani e bassista Andrea Piovani contribuiscono al lavoro. Album è prodotto dalla band stessa, al fine di evitare contaminazioni esterne, e il processo di registrazione ha avuto luogo presso lo studio di Gianbattista Manenti (Love Might Kill) per le parti vocali e allo Studio 57 di Riccardo Frigoni per il resto delle registrazioni e la miscelazione finale . Questo processo è durato quasi un anno, col fine di abbracciare pienamente tutte le sfumature della musica dei Kezia. I Temi sono contemporanei, surreali e talvolta anche imbarazzanti e la musica va di pari passo con le storie raccontate; l'ascoltatore viene colpito dai continui cambiamenti di melodia e tempistica e da tante emozioni. La maggior parte dei testi possono sembrare folli e privi di senso, ma spesso nascondono un lato profondo e introspettivo che analizza l'essere umano e le dinamiche che lo circondano.

 La band: "Qualcuno dice che il nostro genere potrebbe essere classificato " Progressive Rock / Metal" ma ci piace definirlo " Prop - Metal" , perche ' ci piace fondere le sonorità progressive classiche con la freschezza e il sapore leggero della musica pop -rock . I temi che trattiamo all'interno delle nostre canzoni sono spesso ironiche, dissacranti e anche imbarazzanti , ma soprattutto cerchiamo di dipingere metafore della vita"