GASPARAZZO "MO' MO'" il nuovo video e singolo

GASPARAZZO "MO' MO'" il nuovo video e singolo 

Il nuovo video e singolo - un brano poetico e sognante per la folk rock band emiliana - in tutti gli store digitali da New Model Label

"Mo' Mo'" è un brano poetico. Parla di qualcosa di invisibile, difficile da afferrare e catalogare; è un respiro ecco! E’ quell’attimo, quella scintilla che anticipa la creatività. L’istante rivelatore che scarabocchia il pentagramma, che muove la matita o semplicemente fa andare una persona in una direzione opposta, verso il nuovo. E’ la curiosità. "Mo’ Mo’" è un soffio che svolazza qua e là trasformando la monotonia. Prima o poi lo si incontra tutti. Alcuni dicono sia il vento...
Regia di Stefano Bertelli della Seenfilm, girato sulla spiaggia di Bonelli di Porto Tolle (Ro) con gli insegnanti di Tango, Luca Donato e Caterina Nucciotti.

Gasprazzo - Mo' Mo' - l'album

"Mo' Mo'", ovvero, "proprio adesso, ora", praticamente un'istantanea. In queste due parole è raccolta l'essenza del sesto album in studio dei Gasparazzo, formazione con base tra Bologna e Reggio Emilia, attiva dal 2003 e che nell'arco di questi anni si è esibita nelle situazioni più svariate, in Italia ed all'estero. Tutte le anime dei Gasparazzo convergono in questo lavoro, eclettico e contaminato, ironico, sognante ma allo stesso tempo anche impegnato. "Rovesciala", brano nato come inno per i Mondiali Antirazzisti, apre il lavoro, carico e travolgente come un inno deve essere, un inno per un calcio diverso, seguita da "Michelazzo", forse il brano più scanzonato del disco, ispirato alla leggenda urbana di Michelazzo, personaggio mitico che "mangia, beve e...", che accomuna molte tradizioni popolari, dalla Sicilia alla bassa pianura padana.
"Mo' mo'" è invece l'anima mediterranea dei Gasparazzo, sognante come il vento in una città di mare, un'anima che poi ritorna in altri episodi, come "Impulsi nudi" o "Se i posacenere potessero parlare", scritta in collaborazione con Mezzafemmina. Un album di storie ma anche di musica e ricerca, e la produzione è stata realizzata con la collaborazione di Massimo Tagliata, pianista, fisarmonicista e produttore, già al lavoro con alcuni importanti nomi del pop italiano. Ci sono poi storie urbane, come "Centopelle", ragazzo di strada che attraversa le epoche, ribelle ed indomabile, descritto da Collodi nella raccolta "Occhi e nasi" o ancora "Mimi" e "Fondaco", quasi una filastrocca, la storia di una band in una cantina e dell'energia che sprigiona. "Cristo è là" è posta invece vicino alla chiusura, non certo perché meno importante, semplicemente per le emozioni forti che trasmette, un brano reggae toccante, dedicato a Federico Aldrovandi ed il testo si basa sulle parole di Lino Aldrovandi in memoria del figlio assassinato.

Tracklist:

1. Rovesciala / 2. Michelazzo / 3. Mo' mo' / 4. La tromba di Eustachio / 5. Agro 400 / 6. Impulsi nudi / 7. Se i posacenere potessero parlare / 8. Centopelle / 9. Cristo è là / 10. Mimi / 11. Fondaco

Formazione: Alessandro Caporossi - Voce / Generoso Pierascenzi - Chitarre, voce ed elettroniche  / Giancarlo Corcilio - Fisarmonica / Roberto Salario - basso e contrabbasso / Lorenzo Lusvardi - batteria

www.gasparazzo.it
www.newmodellabel.com