DEUDIA (ITA) "Ghost Dreamer"

 ESCAPE='HTML'

DEUDIA (ITA) "Ghost Dreamer"

di LUCA MARSI

--- FreeSoundMagazine.it

 

FREE SOUND MOMENT:  DEUDIA ha due singoli simmetrici

Esce “Ghost Dreamer” il nuovo singolo di Deudia. In rete il video ufficiale e in primavere il disco d’esordio pubblicato da Interbeat.

Dattiloscritto per l’istinto e la pancia: quelle delle torch-song è un tema che mi coglie preparato dopo aver divorato il disco di Gemma Ray. E qui ritrovo moltissimi degli ingredienti che mi hanno avvicinato a questo tipo di ascolti con l’unica grande differenza è che - in questo caso soprattutto - l’Italia di DEUDIA diventa prepotente e si sente restituendo un poco di banalità al tutto. Si intitola “Ghost Dreamer” questa lirica epica e metropolitana…non a caso il video è girato dentro una fabbrica abbandonata. Pelle nera, anfibi, notte, anfetamine, la Lisbona dei Misfatto sembra quasi tornare prepotente e poi ci sono i fantasmi che sono quasi figure mitologiche per questo tipo di scritture. 

Eppure la torch-song di DEUDIA l’avevamo conosciuta in altra forma e in altra misura, più femminile, più dolce, quasi silenziosa e indiscreta con il singolo e con il video d’animazione “Situation wired”: interessante, una brevissima finestra sul cielo piovoso, notturna escursione di se, quasi fosse un viaggio extra-corporale. Peccato per l’urlatrice (fortunatamente intonata) di questa nuova DEUDIA di “Ghost Dreamer” che se ne fotte di chi dorme o chi vorrebbe non appare e si produce in un inciso prepotente e decisivo, quasi a lacerare il silenzio di una riflessione dove l’urlo si fa rabbia e liberazione. Non saprei proprio cosa aspettarmi dalla scrittura di un intero disco, quanta elettronica trovarci (vista anche la produzione della Interbeat) e quanto silenzio sarà misurato come si fa con le pozioni magiche.

Non saprei davvero da dove cominciare nel sagomare un ipotetico lavoro d’esordio di DEUDIA: i primi due antipasti sono paradossalmente agli antipodi nonostante la voce e le intenzioni siano ugualmente espresse. Peccato per l’Italia che proprio non dovrebbe entrare…ma sono tante e importanti le ingenuità (soprattutto video) che rendono questo prodotto un esperimento nostrano come tanti. Forse però sono solo le mie stupide impressioni. Ok, l’antipasto era buono. Ora aspettiamo il primo, il secondo e la frutta.