CECILIA (ITALY) "GUEST"

CECILIA (ITALY) "GUEST"

"GUEST" (Qui Base Luna) di CECILIA è il primo disco di inediti: 11 canzoni, scritte in italiano e inglese, che hanno come protagonista una sintesi poetica di voce, arpa e, per la prima volta, elettronica.

“...a parte la mia arpa, nessun altro strumento è stato maltratto durante la realizzazione di questo disco...”

il beabox, il flauto e il violoncello sono stati gli unici strumenti suonati oltre all'arpa.Neda (produttore artistico) ha generato i beat elettronici (oltre ad aver registrato e mixato il disco).Gli altri suoni (distorsioni, delay, loop, reverse, effetto synh, bassi) che si sentono sono stati generati esclusivamente dall'arpa.

L'effetto distorto sotto il secondo ritornello di Sei Bianca è il risultato sonoro di urla emesse dentro alla colonna dell'arpa classica ... non sono state aggiunte distorsioni o effetti digitali.

A Febbraio 2015 è stato rilasciato il videoclip di SNOW con anteprima su La Stampa del videoclip (regia di Kumbafreida ed Elsi Perino) e su Deezer della canzone.Il brano non è stato trattato come singolo ma come apertura del progetto per accompagnare nel “mondo” di Cecilia.

Snow è un momento di lucidità.
Il fermo immagine necessario a guardare i sentimenti da fuori un attimo prima di voltare lo sguardo.
Snow è la malinconia di chi si impone la separazione. Per respirare di nuovo.
Snow è il momento in cui di notte la rotta si inverte e si guida per andare via e non tornare più.

Il primo singolo ufficiale è Mornings like this è stato rilasciato il 21 aprile 2015 con l'uscita del disco .La versione in inglese di Sei Bianca ha il testo di Stephen Amidon (autore de IL CAPITALE UMANO)

Tracklist:

What if I say > intro (E. Dickinson / C.Lasagno)
Ladies (C.Lasagno / C.Lasagno R.D'Anello)
Snow (C.Lasagno / C.Lasagno R.D'Anello)
Mornings like this (C.Lasagno / C.Lasagno, R.D'Anello, F.Malandrino)
Sei Bianca (C.Lasagno / C.Lasagno)
Elder tree wine (C.Lasagno / C.Lasagno R.D'Anello)
Aria immobile (C.Lasagno / C.Lasagno R.D'Anello)
Winter Guest (C.Lasagno / C.Lasagno)
Cave (C.Lasagno / C.Lasagno)
L'ultima arma (C.Lasagno / C.Lasagno)
Oman (C.Lasagno / C.Lasagno R.D'Anello)
What if I say < out (E. Dickinson / C.Lasagno)

Biografia

La storia inizia nel 1994 quando, a 5 anni, Cecilia rimane affascinata da un’arpa vista in TV.
Nel 1998 scrive una lettera a Babbo Natale senza alcuna intestazione ed un unico contenuto: “ARPA”.Lo strumento arriva e due anni dopo Cecilia viene ammessa al Conservatorio di Torino.
Studentessa ribelle, ma talentuosa e curiosa, coltiva il gusto per la sperimentazione, cercando di slegare l’arpa dall’immagine classica ad essa associata.A 15 anni entra nell’orchestra diretta dal jazzista Furio di Castri e nel coro del Conservatorio. Così Cecilia scopre di saper cantare e inizia a farlo suonando la musica che ama.Il debutto live avviene nel 2005 durante la Festa dell’Unità di un paesino sconosciuto a Google Maps, ma sicuramente nella Val Varaita.Ottenuto il diploma al Conservatorio, Cecilia “fugge” a Los Angeles e si mantiene suonando busking. Tre mesi dopo torna a Torino da dove riparte scegliendo questa volta la vita da marinaio: si imbarca otto mesi per “allietare” le orecchie dei turisti in crociera. Lì capisce che ≪fare male quello che si ama è terribile≫, ma quest’esperienza le permette di conoscere tanti posti (dall’India alla Cina, dal Mediterraneo alla Penisola Arabica) e arricchirsi di volti e storie.

Senza lasciare mai l’arpa, nel 2011 torna a casa, inizia a lavorare in libreria e finalmente a prendersi il tempo per scrivere le sue prime canzoni.Grazie all’incontro con il produttore Neda – MeatBeat Studio – scopre l’elettronica e le si spalancano le porte di nuove possibilità espressive, sia strumentali che vocali. L’arpa inaspettatamente pop diventa il punto di partenza per raccontarsi e raccontare ciò che ha intorno.Intensa è la sua attività live che nel 2014 l’ha portata a tenere oltre 40 concerti in giro per l’Italia, tra cui gli opening dei live di Levante e Marta sui Tubi. Si è inoltre esibita in manifestazioni di livello nazionale come il concerto per i 20 anni di Emergency a Roma, l’inaugurazione della 29a edizione del “Torino Gay and Lesbian Film Festival”, il Gerundium Festival di Bergamo e il Microcosmi Festival di Comerio (Va) diretto da Vittorio Cosma.

Il 2015, per Cecilia, si apre con due progetti internazionali. Firma il tema musicale di 6Bianca, il primo serial teatrale italiano, prodotto dal Teatro Stabile di Torino e Scuola Holden, scritto da Stephen Amidon (suo il romanzo Il Capitale umano da cui Paolo Virzì ha tratto l’omonimo film, in corsa per la candidatura all’Oscar 2015) per la regia di Serena Sinigaglia, e si esibisce in Danimarca con il proprio repertorio di inediti insieme alla compagnia Cantabile2, nello spettacolo Ord mellem rum (The space between two words).In primavera, insieme all’attività live in Italia, uscirà per “Qui Base Luna” il suo primo disco di inediti: 11 canzoni, scritte in italiano e inglese, che hanno come protagonista una sintesi poetica di voce, arpa e, per la prima volta, elettronica.

CONTATTI

Youtube:  https://www.youtube.com/channel/UC_fWMCaXdiDaUQLTqDg3RWg

facebook: https://www.facebook.com/ceciliaharpmusic

twitter: https://www.twitter.com/cecilia_harp